Vai ai contenuti Skip to footer

Come si seducono le donne

Come si seducono le donne

Come si seducono le donne è un saggio pubblicato nel 1917. Già l’anno successivo ottenne una seconda edizione, che in copertina riporta “19° migliaio”, un’edizione che Marinetti ha ampliato. La prefazione è affidata a Bruno Corra e Settimelli.

A inizio libro, sotto una sorta di dedica alla “granata austriaca”, leggiamo:

Questo volume vissuto è stato dettato (Settembre 1916) da Marinetti prima di tornare al fronte come volontario bombardiere e corretto in bozze da Marinetti ferito all’Ospedale Militare di Udine.

Il libro si compone di 11 capitoli (cfr. 8 anime in una bomba). Le ultime sei pagine del Capitolo 8 (“La donna e la complicazione”), da pagina 131 a pagina 136, sono censurate, riportando la sola scritta (Censura).

L’appendice “Polemiche sul presente libro” fa parte dell’edizione del 1918.

Scopri l’opera

Incipit di Come si seducono le donne

La donna e la varietà

Un libro sull’arte di sedurre le donne, ora?… Sì, ora, nella conflagrazione futurista delle nazioni, nella nostra guerra igienica liberatrice novatrice centuplicatrice io sento il bisogno di dirvi come si seducono le donne.

La guerra dà alla donna il suo vero sapore e il suo vero valore. Questo libro sarebbe stato un anacronismo se fosse apparso o prima o dopo la guerra.

Ve Io dimostrerò allegramente.

Le donne si precipiteranno subito in trincea per difendersi dai miei attacchi inevitabili. Questo libro non può, secondo loro, contenere che accuse, condanne e critiche feroci per il sesso delizioso. Lo giudico tale per esperienza prolungata e minuziosa, e provo anzi una specie di spasimo erotico nello stringere lo penna che lo glorificherà. Non stringo affatto la penna ma incomincio a dettare questo libro al mio caro e grande amico Bruno Corra che, esperto conoscitore, benché giovanissimo, della pericolosa materia, sorride. Io detto, camminando, voce dura a scatti, passo incisivo, su e giù per la stanza, le mie numerose sigarette spiralicamente sfumate di ricordi e ritmate dai miei speroni bombardieri. In questo albergo, aspettando di ripartire per il fronte, in treno, nell’odore mordente del grigio-verde ricolorato dalla trincea, tra le gomitate dei soldati, io continuerò a dettare questo libro in velocità maneggiando brutalmente il meraviglioso corpo elasticissimo di quella donna fatta di cento donne che ognuno porta con sé alla guerra. Ognuno… un italiano beninteso, completamente virile, libero da ogni pregiudizio nordico, nemico delle biblioteche e intimamente legato al gran pozzo di sensualità che si chiama Mediterraneo. Libro illogico dunque che sarà felice d’essere strappato dalle mani indefinite delle donne brutte, ma piacerà indubbiamente alle mani precise e soavi delle belle.

Belle più o meno. Alludo al misterioso magnetismo animale, non alla bellezza perfetta che toglie ogni attività fascinatrice alla donna.

Volere esser bella vale molto più che qualsiasi splendore fisico. Nella mia vasta esplorazione eroticosentimentale ho sempre ricercato i corpi intelligenti, continuamente armati da un vigilante e mascherato desiderio di piacere. Le donne che trascinano in giro una bellezza cosidetta naturale, sono profondamente ridicole, noiose, e inconcludenti nel piacere.

  • Come si seducono le donne
  • Edizioni da Centomila Copie
  • 1917
  • 158 pagine + XV
  • Lire 4
  • Marinetti intimo. Prefazione di Bruno Corra e Settimelli
  • La donna e la varietà
  • La donna e la strategia
  • La donna e la guerra
  • Manuale del perfetto seduttore
  • La donna e la velocità-pericolo
  • La donna e il coraggio
  • La donna e la gelosia
  • La donna e la complicazione
  • La donna e il futurista
  • Donne, preferite i gloriosi mutilati!
  • Saluto di un bombardiere futurista alla donna italiana
  • Polemiche sul presente libro (Scritti di Enif Rober, Rosa Rosà, Shara Marini, Volt)